Mascolinità all’italiana: cinema, teatro e letteratura

Anno 
2013
Pagine 
204
ISBN 
9788898007318

Disponibile in

Questo volume è disponibile anche in formato PDF; per ottenere le informazioni su come riceverlo compila il form con i dati richiesti:

Mascolinità all’italiana: cinema, teatro e letteratura

a cura di Renato Ventura

Gli articoli che compongono questo volume sono, per la maggior parte, frutto di presentazioni proposte al convegno annuale della Northeast Modern Language Association, nell’ambito di tre sessioni organizzate dal curatore del libro. I molti contributi di studiosi americani ed italiani hanno evidenziato che la mascolinità italiana è stata e continua ad essere uno dei modelli più usati in campo letterario, filmico e teatrale. Questa immagine della mascolinità italiana, e il mito su di essa creato, sono una naturale conseguenza del patriarcato che continua ancora ad esistere in gran parte dell’Italia alle soglie del XXI secolo. Il presente studio ha lo scopo di analizzare alcuni dei numerosi esempi di mascolinità italiana, fra letteratura, cinema e teatro; esempi che hanno utilizzato (e ricreato) il substrato culturale e sociale nel quale si è sviluppato il mito del maschio italiano.

L'autore 

Renato Ventura è stato giornalista in Italia prima di iniziare gli studi universitari negli Stati Uniti. Ha conseguito un Ph.D. in letteratura italiana presso l’Università del Connecticut con una tesi dal titolo: L’immagine degli uomini in letteratura e cinema: rinegoziazioni della mascolinità siciliana dal 1941 al 1978. Attualmente è Assistant Professor all’Università di Dayton in Ohio. Tra le sue recenti pubblicazioni, gli articoli Mascolinità e alterità in Vitaliano Brancati. L’altra faccia del gallo (nel volume L’altro e l’altrove nella cultura italiana, Nerosubianco, 2011); 1857-1976. Da La Spigolatrice a Quant’è bello lu muriri accisu di Ennio Lorenzini (nel volume Cinema e Risorgimento, Visioni e re-Visioni, Vecchiarelli, 2012); L’alter eco. L’animale semantico ne La misteriosa fiamma della Regina Loana (nella rivista “Forum Italicum”, n. 2, 2010).

X