Antichità/Unità. Storia, cultura e cinema in Italia

Anno 
2013
Pagine 
136
ISBN 
9788898007080

Disponibile in

Questo volume è disponibile anche in formato PDF; per ottenere le informazioni su come riceverlo compila il form con i dati richiesti:

Antichità/Unità. Storia, cultura e cinema in Italia

con la collaborazione di Licia Ferro e Giuseppe Palumbo

L’idea è questa: recuperare, in modo più o meno brillante e originale, quanto del dato antico partecipi alla nostra Unità, al processo che la sancisce storicamente e culturalmente, anche in prospettiva, ovvero con uno sguardo ai nostri giorni. Si passa dal Canto degli italiani e dai classici come enciclopedia culturale dell’Italia a un antico racconto per pensare le italiane, dalle novelle di Pirandello a d’Annunzio e a Svevo, dal cinema al graphic essay. Quasi sempre Antichità e Unità sembrano accompagnarsi e sposarsi, nel bene e nel male, con divorzi, tradizioni la cui presa dobbiamo spezzare come una catena, fra poetiche dell’italianità e frammentazioni del mito risorgimentale.

Interventi di: Maurizio Bettini, Licia Ferro, Bart Van den Bossche, Giuseppe Papponetti, Mara Santi, Fulvio Orsitto, Luciano Curreri e Giuseppe Palumbo (e con lettere/letture/recensioni di Anna Dolfi, Riccardo Donati, Vittorio Frigerio).

L'autore 

Luciano Curreri è professore ordinario di Lingua e letteratura italiana (Université de Liège). A sua cura, L’Europa vista da Istanbul. Mimesis e la ricostruzione intellettuale di Erich Auerbach (luca sossella editore, 2012, e-book scaricabile in rete).

 

Licia Ferro è dottore di ricerca in Antropologia del mondo antico (Università di Siena) ed è coautrice, con Maria Monteleone, di Miti romani. Il racconto, con un saggio di Maurizio Bettini (Einaudi, 2010).

 

Giuseppe Palumbo insegna all’ISIA (Istituto superiore industrie artistiche - Scuola di alta formazione - Urbino), disegna numerose storie speciali di Diabolik ed è coautore, con Luciano Curreri, di L’elmo e la rivolta. Modernità e surplus mitico di Scipioni e Spartachi (Comma 22, 2011), il primo, vero graphic essay... made in Italy.

X