Luigi Caldera

Pagine 
92
ISBN 
9788898007325

Luigi Caldera

“Invenzioni a più voci” di un cuneese ai confini tra musica e ingegno

Nel campo della ricerca musicologica accade non di rado di imbattersi in figure storiche dal destino singolare: personaggi estremamente attivi e creativi nel corso della loro esistenza, noti e acclamati a livello internazionale, precipitati di colpo in un oblìo palpabile e quasi imbarazzante. È questo il caso del piemontese Luigi Caldera, originario di Cuneo e attivo a Torino nella seconda metà dell’Ottocento, visionario ideatore di sofisticati perfezionamenti tecnici applicati agli strumenti a tastiera, concretizzatisi in affascinanti realizzazioni dagli evocativi nomi di Melopiano, Armonipiano, Calderarpa...

Presente e apprezzato coi suoi ritrovati nelle più grandi Esposizioni Universali dell’epoca (Parigi, Vienna, Londra, Chicago...), fu titolare di numerosi brevetti a livello internazionale, e ai suoi strumenti si interessarono musicisti del calibro di Rossini, Thalberg e Liszt (che dedicò all’Armonipiano di Caldera almeno un paio di composizioni note). 

Un inquadramento complessivo della figura storica di Luigi Caldera e delle sue invenzioni consente finalmente di rendere omaggio a un genio creativo ingiustamente dimenticato e di venire a conoscenza di suoni e strumenti suggestivi, nella cornice di quel particolarissimo contesto estetico-culturale che fu il panorama musicale italiano ed europeo fin de siècle. 

L'autore 

Francesco Bigotti. Nato a Cuneo, musicologo e cultore di organologia e di storia dell’arte organaria, si è da tempo dedicato a studi, ricerche d’archivio e approfondimenti sull’antico patrimonio organario del Piemonte Sud-Occi­den­tale, evidenziando in modo particolare legami e corrispondenze con le analoghe espressioni artistiche d’Oltralpe. A tale interesse ha da sempre affiancato – cogliendo e sottolineandone spesso le varie interazioni – una sensi­bi­le curiosità verso gli aspetti più affascinanti e meno conosciuti della storia e della vita musicale cuneese dei tempi passati. Autore di volumi, nonché di articoli e saggi apparsi su pubblicazioni specializzate in Italia e all’estero, annovera al proprio attivo numerosi contributi e scoperte originali su fatti e personaggi della storia organaria, artistica e musicale.

X