Figli di questa terra

PER TUTTO L'ANNO 2015 IN OCCASIONE DEL CENTENARIO DELLA GRANDE GUERRA IN OFFERTA A 40,00 EURO.

IN OMAGGIO L'ELEGANTE COFANETTO!

Pagine 
536
ISBN 
9788889056028

Figli di questa terra

I Caduti della provincia di Cuneo nella Grande Guerra 1915-1918

La Grande Guerra, quella che cominciò il 24 maggio di novanta anni fa, ha portato via alla provincia di Cuneo oltre 12.200 suoi figli restituendone oltre tremila mutilati. 
Questo libro, frutto di lunghe ricerche ed analisi, racconta:
- come parte del mondo, l'Europa, l'Italia e la provincia di Cuneo sono scivolate verso quella guerra;
- lo svolgersi del conflitto sul fronte italiano, soprattutto, e come la guerra e il dopoguerra sono stati vissuti in provincia di Cuneo. 
Per la prima volta, il libro analizza i dati statistici dei Caduti cuneesi della guerra e ricostruisce i principali avvenimenti che hanno provocato le maggiori perdite partendo dall'analisi delle perdite giornaliere di militari cuneesi per ogni giorno del conflitto e degli anni immediatamente seguenti. Ad esempio, il libro chiarisce, anche attraverso utilissimi grafici:
- quanti Caduti cuneesi vi sono stati in montagna, collina, pianura e nelle grandi città suddividendoli anche per comunità montane e collinari;
- il primo e gli ultimi Caduti della provincia;
- quanti Caduti cuneesi appartenevano alle varie armi e specialità (fanteria, alpini, artiglieria, bersaglieri ecc.);
- quanti per cause di morte o dispersione;
- quanti erano nati all'estero;
- quanti per età e anno di nascita;
- quanti per grado e qualifica;
- dove e quando ci sono state le maggiori perdite… 
Alcune tavole e l'elenco alfabetico integrale dei Caduti della provincia di Cuneo (coi dati fondamentali su ognuno di essi) completano il volume impreziosito da fotografie quasi del tutto inedite. 

L'autore 

Gerardo Unia è nato a Cuneo nel 1950 e dalla fine degli anni '70 si occupa di ricerche su vari argomenti privilegiando però la storia della Grande Guerra. Ha pubblicato i seguenti libri come coautore: Abitare le Alpi, Cuneo, 1980; Bachi e filande, Cuneo, 1982; Ali spezzate, Cuneo, 1999.

Come unico autore ha poi dato alle stampe due libri sulla Grande Guerra: L'undicesima battaglia - Sulle tracce di un soldato caduto sulla Bainsizza, Dronero (CN), 2000; Il caso Airaldi - Un generale cuneese si oppone al massacro dei suoi soldati sul Carso della Grande Guerra, Dronero (CN), 2002.
Sul volume celebrativo degli ottocento anni dalla fondazione della città di Cuneo - Cuneo da 800 anni, Savigliano (CN), 1998 ha scritto il saggio La guerra lontana in omaggio ai Caduti cuneesi nel primo conflitto mondiale.
Nel maggio del 2002 ha tenuto una conferenza sull'undicesima battaglia dell'Isonzo (Bainsizza) al Museo della Grande Guerra di Gorizia.

X