«Il ricordo pietoso dei vinti»: impegno e realismo in I fatti di Casignana

ISBN 
9788898007806
Pagine 
140

Disponibile in

Questo volume è disponibile anche in formato PDF; per ottenere le informazioni su come riceverlo compila il form con i dati richiesti:

«Il ricordo pietoso dei vinti»: impegno e realismo in I fatti di Casignana

Un’approssimazione a Mario La Cava

Mario La Cava (Bovalino 1908-1988) è una delle personalità del panorama letterario italiano su cui la critica si è soffermata meno e non sempre con la dovuta attenzione. Autore di un fortunato libro di Caratteri e di altri lavori editi tra il secondo dopoguerra e la fine degli anni Ottanta, lo scrittore calabrese pubblica nel 1974, per i tipi di Einaudi, un romanzo che per stile e contenuti si discosta notevolmente dalla sua poetica: si tratta di I fatti di Casignana, «la storia esemplare di una rivolta contadina nella Calabria degli anni Venti». In totale antitesi persino rispetto alle tendenze letterarie del suo tempo, La Cava sceglie la strada del romanzo storico per narrare l’episodio della strage di Casignana del settembre 1922 e dimostrare le responsabilità dello Stato nell’ascesa fascista. Ma si tratta veramente di una scelta anacronistica? Dal carteggio con Leonardo Sciascia, dai tanti indizi disseminati nel romanzo e dalle interviste emergono volontà chiare e precise: contribuire alla rinascita del romanzo civile, riportare a galla il passato con l’aiuto dei documenti storici, dare voce al popolo, vero protagonista della vicenda. È così che in I fatti di Casignana si consolida il nesso tra realismo e impegno: la Storia non si pone più come materia statica e diventa invece elemento costantemente attualizzabile (ma non in senso deteriore). Col suo singolare intreccio di ricostruzione storiografica, memoria collettiva e finzione romanzesca, l’opera di Mario La Cava rappresenta un’ottima entrée en matière per un contesto storico-letterario unico e affascinante.

L'autore 

Alex Bardascino (Legnano, 1988) ha studiato Lingue e Culture Moderne presso l’Unical di Rende, appassionandosi alla letteratura americana e francese. Dopo un periodo di studi a Parigi si trasferisce in Belgio, a Liegi, dove si concentra maggiormente sulla letteratura italiana e su autori quali Sciascia, Borgese e La Cava. Autore di numerosi articoli pubblicati online e da poco laureato presso l’Université de Liège, attualmente collabora con l’editore Falco di Cosenza.

X